Fare Musica per un futuro sostenibile

logo playlist 2030
Icons_01
Playlist2030 logo ob2
Playlist2030 logo ob3
Playlist2030 logo ob4
Playlist2030 logo ob5
Playlist2030 logo ob6
Playlist2030 logo ob7
Playlist2030 logo ob8
Playlist2030 logo ob*
Playlist2030 logo ob10
Playlist2030 logo ob11
Playlist2030 logo ob12
Playlist2030 logo ob13
Playlist2030 logo ob14
Playlist2030 logo ob15
Playlist2030 logo ob16
Playlist2030 logo ob17
Playlist2030 logo ob3
Salute e benessere

Il paradiso che non c’è

per violino, viola e contrabbasso

Compositore Paolo Catenaccio(1998)

Testimonial Da definire

Nell’ob. 3 dell’Agenda 2030 si auspica un futuro in cui il benessere, la salute e delle condizioni di vita agiate possano essere raggiunte da tutti. Nonostante la buona volontà e il sincero impegno di molti ancora un vero benessere non è alla portata di tutti. Rispetto all’idea iniziale di un brano che potesse esprimere pace o serenità ho scelto, quindi, di perseguire un fine meno consolatorio. Ed è proprio così che si spiega il titolo del mio semplice brano: “Il Paradiso che non c’è”

Nato nel 1998, Paolo Catenaccio è un compositore che ha composto numerosi lavori cameristici e sinfonici. Ha frequentato il Conservatorio S. Cecilia di Roma, ottenendo un Diploma accademico di I livello in Pianoforte con il massimo dei voti e la lode nel 2020, seguito da un Diploma accademico di II livello in Composizione nel 2023, sempre con il massimo dei voti. Durante il suo percorso formativo ha partecipato a varie masterclass e corsi di perfezionamento, inclusa una Masterclass in Composizione all’InNova Forma Festival di Firenze nel 2021, dove ha avuto l’opportunità di lavorare con Fabio Massimo Capogrosso. Ha poi continuato i suoi studi con il Capogrosso presso l’Avos Project – Scuola Internazionale di Musica di Roma, dove ha ottenuto una borsa di studio per l’anno accademico 2023/2024; attualmente continua a perfezionarsi con il M° Dai Fujikura. La sua musica è stata eseguita nelle principali città italiane e in alcune delle istituzioni e festival più importanti, come il Festival 5 giornate, l’Accademia Filarmonica Romana, Trastevere Classica e tante altre. È pubblicato da Sconfinarte e DaVinci Publishing e ha ricevuto commissioni da importanti ensemble, gruppi da camera o festival. Ha fatto parte di una giuria di studenti alla Biennale Musica del 2022 selezionata trai migliori allievi dei conservatori italiani. È fondatore e direttore artistico del festival Suoni Oltre Confine.